L’innovazione di Re4Circular

 

Il nostro progetto contribuisce al raggiungimento di 3 SDGs

Meno rifiuti tessili dispersi nell’ambiente

Il maggiore impatto sarà la diminuzione della percentuale di vestiti dismessi post-consumo che finisce in discarica o bruciata negli inceneritori, riducendo anche il rilascio di sostanza pericolose nell’ambiente e i conseguenti effetti negativi sulla salute umana e ambientale. Questo tramite la catalogazione dei capi e il trattamento di ognuno nel modo più sostenibile e funzionale in base alle sue caratteristiche.

 

 

Come funziona oggi il sistema


Il materiale tessile che, alla fine del suo ciclo di vita, finisce in discarica e spesso esportato in Paesi in via di sviluppo, soprattutto in Africa e Asia.

 

 

Viene riciclato in nuovi capi d’abbigliamento, il restante materiale viene dirottato in impieghi di scarso valore come imbottiture, stracci e isolanti che non possono essere recuperati al termine dell’utilizzo. 

 

 

Impatto nel settore tessile

Quello tessile è infatti un materiale molto complesso e variegato, a composizione mista, e le caratteristiche da individuare e trasmettere per permetterne il riciclo o il riutilizzo sono molte. Normalmente la selezione dei rifiuti tessili viene fatta a mano, con costi elevati e spreco di tempo. Ciò rende la pratica estremamente dispendiosa per chi raccoglie questa tipologia di rifiuti, tanto che è attualmente più conveniente rivenderli così come sono (a bassissimo prezzo), per smaltirli o esportarli. La tecnologia di Re4Circular permette di cambiare questo sistema: è innovativa e improntata all’aumento dell’efficienza e della sostenibilità del settore, nonché a promuovere la valorizzazione economica dello scarto e il suo incanalamento verso impieghi sostenibili. 

 

Il settore tessile nel mondo

Le ripercussioni positive della nostra soluzione non sono solo a livello locale. Attualmente il 70% dei rifiuti tessili prodotti in UE e in USA finisce nei Paesi in via di Sviluppo soprattutto in Africa. Qui vengono rivenduti a bassissimo prezzo, finendo per soppiantare l’economia tessile locale. La maggior parte dei capi che arrivano in quei Paesi sono capi della “fast Fashion”, di qualità scadente e parzialmente usurati e che finiscono per ingolfarne le discariche causando pesanti ripercussioni ambientali, sociali e sanitarie.

Clicca qui per scoprire di più il tema.

Il nostro modello fa sì che il rifiuto tessile venga gestito lì dove viene prodotto e non sposta semplicemente il problema in un altro continente. Di conseguenza digitalizza la filiera, la accorcia e fa sì che ne venga garantita la trasparenza.

La nostra soluzione, inoltre, si pone perfettamente in accordo con ciò che viene auspicato a livello normativo. In seguito all’approvazione del Pacchetto rifiuti europeo sull’Economia circolare, infatti, tutti gli Stati membri entro il 2025 dovranno rendere obbligatoria la raccolta differenziata della frazione tessile dei rifiuti urbani (scadenza che in Italia è stata anticipata al 2022). 

La nostra soluzione rappresenta un’opportunità anche a livello Pubblico, poiché la gestione efficiente del rifiuto tessile fa sì che venga ridotta la spesa pubblica legata a tale servizio e il conseguente impatto a livello ambientale.

Una moda più circolare

L’altro importante impatto positivo del nostro progetto si applica al settore moda.

Re4Circular promuove l’utilizzo, da parte dell’industria tessile-abbigliamento-moda, di materia prima seconda (vestiti dismessi/rifiuti tessili), dunque materiale già esistente, evitando che vengano estratte ed utilizzate nuove risorse naturali per la produzione di nuovi capi d’abbigliamento.

E le risorse naturali consumate ogni anno dall’industria tessile-moda sono imponenti!

Per saperne di più leggi l’articolo del Parlamento Europeo in proposito.

Con Re4Circular facciamo in modo che possano approvvigionarsi della giusta materia seconda tutti gli attori del comparto tessile-abbigliamento-moda:

  • Aziende che si occupano di riciclo meccanico di fibre tessili
  • Negozi second-hand
  • Designer e sartorie che effettuano upcycling sartoriale

Ogni attore avrà a disposizione tutte le informazioni necessarie per trattare questa materia prima seconda nel modo più efficiente possibile e produrre prodotti sostenibili.

 

 

Favorendo il recupero dello scarto, promuoviamo lo sviluppo e la valorizzazione di competenze artigianali (la sartoria in particolare, ma non solo) e professionalità che si stavano dimenticando.

Tra le sartorie che si dedicano alla lavorazione sartoriale di vestiti usati ci sono anche molte sartorie sociali, che includono attraverso il lavoro persone provenienti da svantaggio economico-sociale. Il nostro modello circolare ed efficiente permette di facilitare il loro lavoro e l’approvvigionamento di materia prima seconda per realizzare prodotti circolari, includendoli più facilmente in catene di valore da cui è facile essere tagliati fuori.

Riassumendo: il nostro approccio tecnologico fa sì che si possano adottare economie di scala e permette alle imprese, anche quelle più piccole, di adottare modelli produttivi circolari e sostenibili, agevolando tutti gli attori della filiera nell’essere trasparenti sia tra di loro sia verso il consumatore finale.